Perchè fare un sito web (e aggiornarlo)

Perchè fare un sito web

Perchè fare un sito web (e aggiornarlo)

12 aprile 2016

Dal 2014 al 2016 gli utenti connessi ad Internet sono cresciuti di un miliardo, arrivando così a più di 3 miliardi su un totale di 7 della popolazione totale mondiale. Cifre impressionanti che fanno capire quanto la rete sia estesa e quanto cresca rapidamente in volume dati e numero di connessioni al dì. Questo significa che ogni giorno milioni e milioni di persone cercano notizie, persone e merci in rete.

Connessi al mondo 2016

Fonte: www.wearesocial.com

I Siti Internet sono le vetrine di chi vende e comunica e per chi desidera rintracciare prodotti e informazioni raccolte nel World Wide Web. Ma avere un Sito Web non significa solo voler affermare il proprio marchio o poter dire di avere un sito Internet, bensì aprirsi ad un mercato privo di confini per:

  1. Farsi conoscere
  2. Farsi trovare
  3. Promuoversi e offrire
  4. Far crescere le vendite.

Per questo chi vuole creare oppure far creare un sito per la propria azienda:

  1. Dovrà essere cosciente dello scopo del sito e dei suoi obiettivi
  2. Gli obiettivi e i contenuti del sito dovranno essere coerenti i valori aziendali
  3. Il sito dovrà essere sempre aggiornato e mai lasciato a sé stesso.

Vediamo perchè.

Creare un sito web non è facile, in quanto esistono metodi e regole previste per favorirne la navigabilità e renderlo appetibile anche ai motori di ricerca.

Regole di grafica e di affiancamento dei colori

Regole di grafica e di affiancamento dei colori

La grafica dovrà essere accattivante, moderna ma di semplice fruizione e comprensione, ma questo non basta. Dovrà piacere a voi quanto, se non più, agli altri. Il sito web infatti non dovrà diventare solo un motivo di vanto e autoaffermazione, ma un vero e proprio mezzo di comunicazione, in tutte le sue componenti, a partire dalla scelta dei colori. Provate a sperimentare come naturalmente, per l’occhio umano, colori troppo accesi, troppo spenti o l’abbinamento errato di  quelli troppo caldi e troppo freddi diano vita ad “opere digitali” di discutibile bellezza, ma anche a fenomeni detti di “vibrazione”, che affaticano velocemente l’occhio e rendono difficile la lettura di testo e immagini. Al contrario l’uso oculato, studiato e di gusto può far divenire un sito una vera e propria opera d’arte, facilmente apprezzabile e leggibile da tutti, facendo spiccare il sito in cima alla lista dei preferiti, con semplici pochi accorgimenti cromatici.

Regole per la costruzione di Menù e Sottomenù

Menù esigui o troppo strutturati rendono difficile la navigazione per l’utente, rischiando che questo si allontani dal sito senza aver trovato l’informazione che cercava, o ancor peggio il prodotto da voi venduto.

Regole nella scelta di font e sfondi

Nella lettura a video si prediligono di gran lunga i font “Sans Serif, ovvero senza grazie, come ad esempio l’Arial, privi cioè di tratti terminali tipici invece di font quali il celebre Times New Roman, corredato invece di grazie e nato per la stampa. Questa tipologia risulta più facilmente leggibile sulla carta che a video, in quanto guida gli occhi nella lettura di testi lunghi, che invece ostacola quando retro-illuminati dalle lampade dei dispositivi moderni.

Focus

Regole per la cura e l’aggiornamento dei contenuti

I motori di ricerca lavorano in base ad algoritmi sempre più sofisticati, avvicinandosi sempre di più al Web 3.0 dotato, a differenza dell’attuale 2.0, non solo di capacità enormi di archiviazione di dati e files, ma di interpretazione e contestualizzazione di questi. Non più quindi solo dati composti da 1 e 0 (bit), ma fatti di significati. I motori di ricerca oggi prediligono siti dai contenuti sempre aggiornati e originali, coerenti e bene strutturati secondo strutture ad albero e il più possibile connessi ad altre informazioni. Non solo: oggi è fondamentale ottimizzare i contenuti del sito in funzione dei motori di ricerca, rendere cioè facilmente rintracciabili le informazioni da chi cerca un determinato prodotto, un marchio o un’esperienza. Il SEO, Search Engine Optimization, ovvero l’ottimizzazione di dati e contenuti in funzione dei motori di ricerca, è fondamentale per farsi trovare, risultando primi o comunque tra le prime posizioni di ricerca, in base a ciò che vogliamo vendere o da chi vogliamo farci trovare.

Regole di fruibilità e navigabilità di sito e contenuti

Il vostro sito dovrà essere facilmente rintracciabile e visualizzabile da qualsiasi dispositivo fisso o mobile, ovvero dovrà essere responsive. I navigatori da rete mobile sono anch’essi in costante aumento, e nel 2016 hanno superato le consultazioni dai dispositivi fissi. I siti non responsive non solo sono obsoleti, ma rischiano di perdere milioni di contatti in quanto penalizzati nelle ricerche da mobile. Ottimizzare il sito anche in questo senso, significa rintracciare altre persone.

Importanza del contatto e del feedback

contatti sito web

Il sito deve mettere al centro l’utente, oltre che l’azienda. Deve piacere soprattutto ai vostri clienti oltra che a voi. Numeri di telefono, indirizzi di recapito mail e altre informazioni di contatto sono fondamentali e devono essere facilmente reperibili ed evidenziate all’interno di ogni sito web. Ogni contatto in rete sviluppa infatti buone possibilità di tramutarsi in business. I collegamenti ai Social Network poi, potenziano questo tipo di azione e permettono una comunicazione diretta, facile, maggiormente personale e informale, tale da far sentire il contatto al centro della vostra attenzione, mentre gli donate il tempo che merita, come fareste ad ogni persona che entra nel vostro negozio.

Importanza nella scelta e nelle dimensioni delle immagini

Le immagini sono degli ottimi vettori di significati ed emozioni: sintetizzano senza parole al di là delle lingue, comunicano diversi significati facilmente e universalmente riconoscibili. L’utilizzo esasperato di queste però può far perdere la concentrazione verso il marchio/prodotto e rendere pesante il sito web anche a livello di kilobyte, quindi rendere difficile il caricamento delle pagine e la navigazione. Scegliamo quindi con cura immagini e video da caricare sul sito e, con una certa parsimonia, rispettiamo le regole di peso dell’immagine in kb, limitandone la risoluzione.

Regole non dette

Una volta ultimato il vostro sito il lavoro non è certo terminato, anzi è appena cominciato! Infatti, i parametri SEO, ad esempio, andranno sempre monitorati tenendo sotto controllo i competitors, facendo sì che la posizione sui motori di ricerca sia ottima per il settore nel quale agisce l’azienda, e tale rimanga sempre. Ma non solo: gli studi approfonditi sulle parole chiave, fatti dagli esperti, possono anche guidare le aziende nelle decisioni aziendali di produzione e strategie di vendita, osservando quello che le persone cercano di più, le loro esigenze, i loro bisogni, e delineando quindi il panorama del mercato. Tastando in questo modo il polso del mercato con dati certi e senza l’esigenza di creare altre ricerche di mercato, si possono delineare anche scenari di vendita e opportunità di business fino a quel momento neanche immaginate. I motori di ricerca oggi premiano i siti costantemente aggiornati, sono cioè ghiotti di notizie sempre fresche. Un sito infatti poco seguito non comparirà tra i primi risultati di ricerca, ed anzi continuerà a perdere posizioni.

Internet for Business

Promuovere costantemente la propria presenza in rete è il segreto per fare in modo che un sito non diventi solo una spesa, ma rientri come investimento a medio e lungo termine. Solo proseguendo con queste strategie gli verrà garantito sempre maggior prestigio e la crescita delle vendite. Sponsorizzare il sito per farsi trovare o cercare nuovi clienti, potrà quindi anche prevedere un vero e proprio studio di lancio, una campagna di promozione attraverso:

  1. Inserzioni sui motori di ricerca tramite operazioni SEM (Search Engine Marketing), ovvero annunci a pagamento per poter comparire tra i primi risultati e secondo etichette da noi definite, basate sulla vicinanza della ricerca, il prodotto, il marchio eccetera.
  2. Iscrizione e partecipazione attiva in gruppi di discussione di settore e forum.
  3. Contattare e seguire influencer in rete, ovvero opinionisti del settore a cui facciamo riferimento.
  4. Segnalare il sito ai motori di ricerca (es. inserimento dell’ID Google e dell’indirizzo aziendale).
  5. Inserzioni su siti e riviste di settore.
  6. Digital Signage: inserzioni digitali a video, visibili su videowall in aree fortemente dinamiche e pubbliche (es. aeroporti)
  7. Il passaparola e la richiesta di recensioni su sito e Social: due evergreen vincenti.
  8. Aggiornare il sito e mantenerlo attivo attraverso condivisioni di conoscenza, opinioni, notizie ed esperienze tramite blog.
  9. Utilizzo e ricerche sui Social Network.

Insomma il mondo di Internet è talmente vasto che il sito web è solo la punta di un iceberg fatto di conoscenze diversificate in campo di grafica, pubblicità, comunicazione, programmazione, economia ed altri studi ormai inseriti nello scenario infinito dei nuovi mezzi di comunicazione. Il sito web non dovrà essere uno strumento di vetrina, fermo e statico, ma coinvolgente e sempre dinamico. Oggi si è rintracciabili 24 ore su 24, ma è proprio questo che molti clienti cercano in un sito web. Se infatti non sono riusciti a contattarvi durante la giornata a causa dei loro impegni, (sì, perchè anche i clienti hanno i loro impegni!), potrebbero volervi rintracciare con facilità, magari la sera, una volta rientrati nella loro case.

sito web come iceberg

Questa è stata una delle chiavi del successo della rete Internet: una comunicazione più informale, vicina, tra persone e non solo oggi uno scambio di dati. Questo è ciò che sta cambiando il mondo e non solo la comunità web. Emozioni, l’affermazione di sé stessi, le relazioni e le esperienze devono arrivare prima dei dati e dei prodotti che vorremmo vendere. Il sito web, da questo punto di vista, può e deve diventare un’esperienza per la persona, più che solo una consultazione da parte di un “utente”. Nel momento in cui vi accingerete a creare il nuovo o il vostro primo sito web, ricordate:

Emozioni ed esperienze e non dati asettici.

Persone e non utenti.

Perchè basare sulle persone e non solo sulle tecnologie il proprio sito web significa partire con il piede giusto. E basarsi sulle persone significa anche non abbandonarle e guadagnarsi la propria fiducia anche attraverso l’intricata rete Internet.

 

 

 

 

 

LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published. Required fields are marked *